Pallanuoto: Gabriele Volpi lascia la Pro Recco

Fulmine a ciel sereno nella
pallanuoto. Gabriele Volpi, magnate della logistica e
proprietario attraverso il gruppo Orlean Invest della squadra
italiana più titolata al mondo negli sport di squadra e non solo
nella pallanuoto, ha annunciato l’addio alla Pro Recco.
    “Il gruppo Orlean Invest e il suo chairman Gabriele Volpi
comunicano a malincuore il loro disimpegno nella gestione della
società Pro Recco”. Una decisione “profondamente dolorosa, ma
che si inserisce nell’ottica di una progressiva diversificazione
delle iniziative del gruppo Orlean Invest”, spiega l’attuale
proprietà augurandosi che “qualche imprenditore ligure o
appassionato della pallanuoto possano raccogliere la
straordinaria eredità di un’esperienza inimitabile, il titolo
sportivo, la gestione e il futuro della Pro Recco, garantendone
la continuità e i successi sinora raggiunti”.
    La Pro Recco vanta nel proprio carnet di successi 36
scudetti, di cui 17 sotto la gestione Volpi, 17 Coppe Italia, 11
Coppe dei Campioni (8 con Volpi) e 9 Supercoppe europee.
    “È stata una cavalcata magnifica – dichiara con un comunicato
ufficiale Volpi – che per me partì quando ero solo un ragazzino
e l’allenatore Piero Pizzo (fratello del campione olimpico di
Roma ’60 Eraldo, ndr) fu per me un secondo padre. Abbiamo vinto
tanto, abbiamo vinto tutto e purtroppo si sa come la gente sia
disposta a perdonare qualsiasi cosa, ma non il successo. Ho
sperimentato sulla mia pelle l’effetto di due fra i sentimenti
più universali e insopprimibili che esistano: l’invidia e la
gelosia. Nonostante questo, sentivo la necessità e l’obbligo
morale di restituire alla mia terra il meglio che potesse
avere in ambito sportivo, quindi di portare la Pro Recco ai
massimi livelli mondiali come ho fatto. È arrivato il momento
che il destino della Pro Recco prescinda da me, sia autonomo
dalla mia persona. Credo, infatti, sia giusto che nella vita le
squadre, come le persone e le aziende, imparino a camminare da
sole”.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Leggi su ansa.it