Europei Scherma: le spadiste azzurre vincono l’oro dopo 17 anni

E’ sempre grande Italia ai campionati
europei di scherma di Basilea. Le azzurre della spada hanno
conquistato l’oro continentale che mancava da 17 anni, mentre il
fioretto maschile azzurro è di bronzo. Salgono a nove le
medaglie vinte finora, con l’Italia sempre più leader dopo
quattro giorni di gare. Alberta Santuccio, Mara Navarria,
Rossella Fiamingo e Giulia Rizzi salgono sul gradino più alto
del podio superando in finale l’Ungheria 38-31: l’ultimo
successo risaliva a Gand 2007 (allora in pedana Boscarelli, Del
Carretto, Cascioli e Moellhausen). La formazione guidata dal ct
Dario Chiadò ha dominato il quarto di finale contro Israele,
imponendosi 45-15. In semifinale il successo sulla Francia per
32-31. Poi il trionfo sull’Ungheria che garantisce alle spadiste
azzurre il primo posto nel ranking mondiale, con il quale
arriverà ai Giochi Olimpici di Parigi.
    “Non pareva possibile arrivare a essere team numero 1 del
mondo appena qualche mese fa, ci siamo riuscite meritandolo, con
il nostro percorso in Coppa, e ci confermiamo lassù vincendo
questo Europeo che desideravamo da anni, una gioia immensa per
la nostra squadra. È un risultato storico per l’Italia della
spada femminile, e siamo orgogliose d’averlo ottenuto noi, due
siciliane e due friulane, che ora puntiamo a Parigi”, le parole
di Rossella Fiamingo.
    Bronzo, invece, per la squadra di fioretto maschile del ct
Stefano Cerioni. L’oro e l’argento individuali Tommaso Marini e
Alessio Foconi, Guillaume Bianchi e Filippo Macchi hanno
conquistato il podio dominando la sfida per il terzo posto
contro la Polonia, sconfitta 45-25.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Leggi su ansa.it